Archivio

Archivio Dicembre 2005

Amore mio

21 Dicembre 2005 44 commenti


L?Amore mio Ardente nascerà in una capanna,nascerà a Betlemme,si chiamerà Gesù,saprà già che da grande farà il falegname e saprà fin da prima che per salvare me dovrà morire in croce e mi vorrà bene per quella che sono, non mi ingannerà mai.
Io invece Lo ingannerò,Lo metterò in Croce mi arrabbierò con Lui.
Di Lui unico amore vero della mia vita sarò gelosa,di Lui che si fa dono parlerò agli amici,di Lui e di Lui solo a cui spesso mi ribello ascolterò la Voce,ai bambini che ho intorno Lo mostrerò orgogliosa,ai miei ragazzi da sempre insegno che per arrivare a Lui bisogna camminare per i sentieri stretti,se qualcuno di essi confonderà la strada lo abbraccerò stretto e gliela indicherò, me lo terrò vicino più degli altri e non giudicherò.
A mia madre io Lo presenterò.
E ti Amo e com?è bello dirlo e ti amerò sempre davanti alla Capanna e ai piedi della Croce.
Di fronte a Te soltanto,io chinerò la fronte,e solo in Te un giorno voglio trovare riposo.

Benvenuto Bambino,Buon Natale a Te e a tutti noi e a quelli che ancora non ti amano perché non hanno ricevuto la ” Grazia ” che è il primo dono della conoscenza.
Benvenuto EMMANUEL Luce di Vita Eterna.
Benvenuto o Divino Signore ,unico vero amore ardente dell?intera mia vita.
E per i miei amici vecchi è nuovi di ISRAELE che Esiste ed Esisterà fino alla chiusura dei tempi dal Commentario Comune per L?Economia della Salvezza:
? Evenu Shalom Alechem ?
Zampa spero di averlo scritto bene.
Ai Ristretti in carcere coraggio,sono con voi
A Tutti Voi amici da poco conosciuti ma già nel mio cuore per sempre
BUON NATALE e FELICE ANNO NUOVO e tanto amore e Salute
ARRIVEDERCI AL 2 GENNAIO.
Con Affetto Nenè
P.S.Ashie e Nena riempite la mia vita di schizzi di colore di risate e di complicità vi voglio bene zia Sà

Categorie:Argomenti vari Tag:

Nostalgia canaglia

20 Dicembre 2005 20 commenti


Mentre scarto dal mio armadio di carta un po? dei suoi calzini vecchi qualche maglione e la tuta per andare nel bosco lì vicino casa.
Non sono ? un?annusona ? mi fermo solo un minuto e poi proseguo mentre mi viene in mente quel motivetto di Albano simpatico lui, mai piaciuti i suoi gorgheggi,però ?stamattina ho in mente nostalgia canaglia ve la ricordate?Io no, solo il ritornello e non so il perché mi prende proprio adesso.dovrei consultare Spencer per cercare di capirci qualcosa.
Il cielo quasi sgombro mi mostra il lato oscuro e cinereo di una splendida luna,’stasera ne vedrò il primo quarto e venere gli sarà vicina.
L?alba comincia ora a diramare il cielo mentre il sole che ancora non compare,già la colora di un arancio acceso. I faggi stormiscono rassicuranti agitando le braccia,e muovendo la testa al suono lieve del gelido vento del mattino.Debbo sbrigarmi il mio mondo mi aspetta,Sasha si è gia alzato e la casa si riempie dell?aroma del caffè,ascolto Dicembre di Anastacia mentre mi vesto,non so se sono triste, solo, c?è questo motivetto.Poi mi guardo allo specchio e vedo i miei occhi,i tanti riflessi nelle pupille nere,occhi bizantini mi diceva papà,occhi birboni, occhi borbonici aggiungo io,e guardandoli sorrido al nuovo giorno mentre ingorda bevo il caffè bollente e rido con Sasha pensando al suo spavento di ieri sera quando ho gettato nel fuoco una bottiglia di alcool non del tutto vuota e lui a quel tremendo botto che ne è seguito si è spaventato a morte. Oggi farò altri danni? E chi lo sa?
Che canaglia che sono. Nenè
” nostalgia nostalgia canaglia che ti prende proprio quando non vuoi … ”
Grazie ” gattina
Nenè

Per "Sa" ?

18 Dicembre 2005 20 commenti


Ti ho visto tra luci bianche
e sterili stanze tra dita
di lattice e fiati filtrati
tra duro acciaio e freddi
selciati coperti di candide
lenzuola di servizio.
Ho udito una voce fioca
determinata a superare
ad ogni costo inutili rese,
mi parla di note di colore e
dei miei occhi.
Nenè

A te dico sincera come sempre:
litigheremo ancora,avrai forse ragione,ma il cuore è un’altra cosa.
Faremo mai più pace? Non lo so

Categorie:Argomenti vari Tag:

Ahò, nun ce vede!!! ? Amnistia per Natale

17 Dicembre 2005 16 commenti


Per Merit,Salem,Sindaco,Adriano,Octopus Signora e tutti voi che stimo
Le mie motivazioni per l?appello a favore dei carcerati.
Dall?Album delle Voci,premetto che mia madre da sempre è stata con la S. Vincenzo de?Paoli Associazione che si occupa da tempo dei carcerati e delle loro famiglie.Ci tengo anche a precisare che Pannella non è mai stato nelle mie corde,questo sia chiaro a tutti senza malintesi e nessuno me ne voglia!!!A casa mia ch?io ricordi non c?è stato Natale o Pasqua che non abbia visto un detenuto o che la sua famiglia non sia stata ospite nostra ?Il 23 Gennaio 1996 mamma si ammala di trombosi la forma più grave,non ha più la parola emiparesi dx ?Vengo al dunque, mamma aveva un ultimo caso di cui si occupava,era una signora di ottant?anni,di nome Anna ometto il cognome!
La donna reo confessa di uxoricidio avrebbe ucciso il marito con un colpo di pistola.Anna è una NON VEDENTE!!!
Anna è una non vedente,reo confessa probabilmente per salvare dall?accusa la vera responsabile,la sua unica figlia fatta scappare all?estero.Non posso sapere i perché e i percome al momento non interessa neppure.Una serie di domande che mi voglio fare e faccio pure a voi.
A che serviva allo Stato,a noi,la condanna di Anna cieca di 80 anni al carcere a vita a Rebibbia?
Come si fa a uccidere un uomo con un colpo di pistola quando si è totalmente ciechi? Come si fa ad accettare una simile confessione?
A chi poteva mai far del male Anna e dove stava il pericolo per la società?
Quanto costa a noi contribuenti mantenere in carcere gente come Anna?Qualcuno mi spieghi!!!
Dopo la malattia di mamma presa da infiniti problemi potei andare a trovarla una sola volta a Rebibbia ci andai con mio fratello?non so che fine abbia fatto,mi auguro che viva o abbia vissuto bene i suoi ultimi giorni.
Una guardia carceraria a Rebibbia mi disse:
? Tanto pe? lei è uguale o sta dentro o sta fori mica je cambia la vita ahò, nun ce vede ! ? Filosofia ?de? Roma e mica lo diceva per cattiveria!
Ma io lo so che non è così,che non è affatto così Anna piangeva ? sempre!
Francesco Morelli di Padova io sono con te e virtualmente con tutti gli internati,ristretti in carcere per futili cavilli e burocrazia,con i loro figli,con le loro famiglie che soffrono.Per chi Ha Sbagliato e si è pentito,perchè il carcere serve a correggere,non a punire art 7 della Costituzione.Quando essi hanno imparato a RISPETTARE mi dite che ci stanno a fare in carcere? A ingrossare le file??
Mentre gli psicopatici,pronti a uccidere di nuovo vengono liberati (caso Angelo Ghia) e messi davanti agli sportelli a parlare con le donne che poi uccidono e sotterrano in giardino!!!
Firmiamo la petizione ?Amnistia per Natale? non è neppure una questione di Misericordia,ma pure di Buonsenso, per farlo bisogna andare sul sito di Pannella,con una corda al collo io ci andrò.
Vi voglio bene ma proprio a tutti quanti. Nenè

Categorie:Argomenti vari Tag: , ,

Di chi possiamo fidarci?

16 Dicembre 2005 11 commenti


Mentre scorre il calendario dell?Avvento III°settimana ?B? …
Spot dell?Ansa Ore 09.03:
Blitz dei carabinieri e di tutte le forze dell?ordine in varie città italiane per snidare cellule fondamentalismo islamico?!
?In mezzo a noi come gli scarafaggi!!!
Mangiano del nostro pane,siedono alle nostre tavole,sono in alcuni casi nostri amici!!!
Di chi di loro ci possiamo fidare veramente? Saida, Jak, Bassmah, Hachmed, Abdùl, Mohamed?posso ancora fidarmi di voi?? Possiamo ancora fidarci di qualcuno di voi???? Nenè

Is 56, 1-3. 6-8
Dal libro del profeta Isaia.
Così dice il Signore:
«Osservate il diritto e praticate la giustizia, perché prossima a
venire è la mia salvezza; la mia giustizia sta per rivelarsi».
Beato l’uomo che così agisce e il figlio dell’uomo che a questo si
attiene, che osserva il sabato senza profanarlo, che preserva la
sua mano da ogni male.
Non dica lo straniero che ha aderito al Signore: «Certo mi
escluderà il Signore dal suo popolo!». Non dica l’eunuco: «Ecco,
io sono un albero secco!».
Gli stranieri, che hanno aderito al Signore per servirlo e per
amare il nome del Signore, e per essere suoi servi, quanti si
guardano dal profanare il sabato e restano fermi nella mia
alleanza, li condurrò sul mio monte santo e li colmerò di gioia
nella mia casa di preghiera. I loro olocausti e i loro sacrifici
saliranno graditi sul mio altare, perché il mio tempio si chiamerà
casa di preghiera per tutti i popoli». Oracolo del Signore Dio che
raduna i dispersi di Israele: «Io ancora radunerò i suoi
prigionieri, oltre quelli gia radunati».

A voi dell’Islam dico:sul tronco di Jesse poggia la mia fede!
Io rispetto la vostra,Voi rispettate la mia???
Io rispetto la vostra,Voi rispettate Israele???
Io rispetto la vostra,Voi rispettate l’Indù???
Io rispetto la vostra,Voi rispettate la donna???
Io rispetto la vostra,Voi rispettate la “PERSONA”???
Sono triste Indy,sono veramente triste metterò sotto questo post il tuo commento vado immediatamente a firmare la petizione per i carcerati,mentre ricordo a tutti la richiesta a favore dei detenuti dell’anno scorso da Givanni PaoloII°SANTO SUBITO.Andate tutti e firmate per favore. Nenè

Categorie:Argomenti vari Tag: ,

… Questo tarlo

15 Dicembre 2005 12 commenti


E c?è sempre questo tarlo che mi pungola da dentro,mi incalza da vicino,s?insinua piano,sale implacabile e s?impadronisce subdolo,mi assilla togliendomi il fiato,mi lascia boccheggiante e persa in un mondo bagnato immersa in una polla,che cos?è ?
Non lo so.Inquietudine forse o forse solo angoscia o forse solo un grido che giunge nella notte per poi rompere e frantumarsi contro le vetrate del nuovo giorno.
E le cime degli alberi distanti appena un braccio da questa strana forma di malia,sussurrano contorte,come i miei pensieri,mi avviluppano come carezze note di un amore folle,di un amante sconosciuto,fra lenzuola di seta strette attorno ai corpi che ancora stillano umori,insoddisfatti tesi e inappagati.
E c?è sempre questo tarlo mentre la vita rompe nei quotidiani gesti di sempre,senza un filo di trucco,senza cerone a imbiancarne i tratti.
Mi accoscio sulla sedia e mi guardo dal di fuori le braccia abbandonate lungo i fianchi,le palme aperte,girate verso l?alto.
Come un piccolo Pierrot
« Au clair de la lune mon amie Pierrot
donne moi ta plume pour écrire un mot
ma chandelle est morte je nais pas de feu
ouvre moi ta porte pour amour de Dieu «

E c?è sempre questo tarlo che ?
Nenè

Categorie:Argomenti vari Tag: ,

L?abete di? Nenè

14 Dicembre 2005 17 commenti


Un puntale di luce rubata alla
cometa che avanza ormai veloce verso Betlemme.
Cristalli di ghiaccio strappati dai cuori
di questa umanità che tanto amo per decorare i rami.
Fagottini di sogni con fiocchi di speranza
appesi ai tuoi aghi odorosi con fili delicati
della mia stupenda vita che se ne Va.
E, carico il tuo verde dei colori d?inverno
di arrosti profumati, di oli per il bagno,
di orsetti col tamburo, di allegri scaldasonno,
di sciarpe colorate, regali di bambini,
di piccole chitarre, del suono di un pianino,
di una giostra che gira, del vecchio ghirlandaio,
del nonno cantastorie e di scalinatelle,
di trenini gialli che sbuffano correndo
su e giù per i rami, fra i tanti sonaglini.
Di nastrini dipinti, di belle gote rosse,
di arance e mandarini, di soffici brioche,
di bacchette di zucchero a strisce bianche e rosse.
Mi fermo e ti contemplo,aggiusto un cappellino,
ch?era scappato via, sistemo una barchetta
sei bello ?Abete? mio, sei proprio un bel lavoro
sei un albero maestoso che vedo solo io? Nenè

Dedicata a tutti i bimbi e per un ?fanciullo?
che più bimbo non è? ciao ” Indy
buona fortuna amico che il buon Dio sia con te.

Nenè

Categorie:Argomenti vari Tag:

Solo quattro parole

13 Dicembre 2005 21 commenti


CHIUSO PER LUTTO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
Sof 3, 1-2. 9-13
Dal libro del profeta Sofonia.
Così dice il Signore:
Guai alla città ribelle e contaminata, alla città prepotente! Non
ha ascoltato la voce, non ha accettato la correzione. Non ha
confidato nel Signore, non si è rivolta al suo Dio.

La notizia che non avremmo voluto mai ricevere è purtroppo arrivata: il governatore della California Arnold Schwarzenegger ha respinto la richiesta di grazia per Stanley Tookie Williams. Williams verrà assassinato domani 13 dicembre 2005 alle 9 ora italiana nel carcere californiano di San Quintino.
Solo quattro parole
Giusto per dire alla civilissima america quanto segue:
America ancora una volta hai superato te stessa!
Esempio fulgido di quanto di più incivile e spregevole possa esserci nel cuore umano la vendetta fine a se stessa,la morte di Stanley ancora una volta ha qualificato i tuoi meriti.
Grazie Schwarzenegger degno rappresentante della tua schiatta dello stato della California uno stato che di civile non ha ormai neppure il nome che resterà per sempre nel cuore come sinonimo di inutile e crassa arretratezza
Giusto!Un paese che uccide i propri figli è un paese senza speranza.
Brucerò tutti i tuoi film e pregherò tutti i miei amici e conoscenti di fare altrettanto.
Un altro agnello è stato appeso al chiodo ti senti meglio America?
Una volta la tua carta dei diritti era simbolo di libertà.
Coerenza del sogno americano che fine hai fatto?
Dov?è la tua grandezza?
Un?iniezione letale questa è!
A coprire le voci del silenzio degli innocenti ormai senza più voce.
La bandiera a stelle e strisce sempre più sporca di sangue questa è la tua grandezza.
Civilissima America questa è la tua grandezza!
PFUI AMERICA E SENZA SCHERZI!!!
Questo blog resterà chiuso per lutto, buone feste America e adesso mettiamoci a tavola e festeggiamo il Santo Natale che fra poco arriva il Bambinello.Nenè

Categorie:Argomenti vari Tag: , ,

A un bimbo povero…regali di natale

12 Dicembre 2005 14 commenti


Correva inciampando negli stivaloni neri e finti,con la divisa da babbo natale,per consegnare in giro i pacchi dono delle ditte ad altre ditte,dei vari presidenti di azienda agli altri vari presidenti di azienda:la ditta Pinco augura? lo ripeteva ormai da ore e prendeva la mancia.Lo accompagnava suo figlio,penultimo della nidiata,che con gli occhi spalancati entrava col padre negli immensi saloni,tra arazzi, quadri firmati , moquette ovattate e camerieri distinti.
Il pover?uomo non avrebbe mai potuto permettersi di fare doni ai suoi bambini come quelli che consegnava ai figli dei megapresidenti e ci rimuginava su questo fatto con un po? di rincrescimento,guardando il suo minuscolo Ciruzzo che lo seguiva attonito.Ora erano in un bellissimo salone dove troneggiava un albero natale che forse neanche davanti al Maschio Angioino?e c?era un bambino sul tappeto persiano,il figlio del presidente tal dei tali,solo in mezzo a un mare di pacchetti colorati,era in pigiama e li guardò entrare con occhi tristi, per la verità guardava Ciruzzo che a sua volta guardava quel bambino?Dopo l?uomo s?accorse che non c?era più suo figlio,preso dalle consegne non ebbe il tempo di pensarci più di tanto?riprese a rimuginare su che avrebbe potuto comprare per i suoi bambini coi pochi soldi che gli sarebbero rimasti dopo le bollette l?affitto,la spesa, le scarpe di Concetta necessarie.Quei pochi soldi a cosa sarebbero bastati?Tornò infine a casa e mentre stava per salire le scale, nell?androne buio trovò Ciruzzo e tutta la nidiata:
? dove sei stato,che fine hai fatto? ?Chiese l?uomo al figlioletto e questi assieme ai fratellini,piccolo coro scalmanato:
? siamo stati a casa di quel bambino povero a portargli i regali di natale,stava così triste e abbiamo deciso che lui era il più povero di tutti ?!?
Tu, Voi e che cosa potevate mai regalare Voi a quel bambino?! ”
Chiese stupito quel padre ripensando al figlio del megapresidente,che possedeva tutto e anche di più.I suoi bimbi risposero che gli avevano donato avvolto nella carta colorata, un martello di legno di quelli con la testa grossa,una fionda di quelle calibrate bene e fatta da loro rigorosamente a mano.
? Vedessi papà com?era felice dopo,quel bambino faceva salti di gioia, ha spaccato quasi tutto perfino i lampadari era così contento quel piccino era povero papà e ora è felice ? furono queste le parole di Ciruzzo,bimbo povero dei Bassi,che assieme ai fratellini aveva trovato e riconosciuto un bimbo più povero di lui e che per questo ora si sentiva ricco e felice.
Questa è una storia di sapore Calviniano forse un po? fuori dal tempo,dedicata a tutti quei bimbi che capiscono e istintivamente sanno riconoscere i veri poveri anche quando sono travestiti da ricchi, per i miei e i vostri cuccioli (perché sapete,anche se non sono sposata io di cuccioli ne ho proprio tanti intorno)per quello di Merit 666&C e quelli di Flavio e di Salem,amici incontrarvi è stata una vera fortuna!
Merit te l?avevo detto che avrei fatto da cantastorie per il tuo cucciolo:)))Nenè

Nonna Conchita

9 Dicembre 2005 33 commenti


Per dirti che non ti ho mai dimenticata,ricordo perfettamente il tuo buon?umore,il senso della vita vista come pienezza che non ha mai abbandonato i tuoi giorni,neppure a novant?anni ,quando mi parlavi dei tuoi amori,delle serate stupende,in teatri di favola a Napoli a Roma,a Londra e Parigi,del tuo vivere come una novella Rossella O’Hara con la Nannie con un esercito di gente nella piantagione e nel pastificio che avevavate a Caracas,del matrimonio col tuo Nanni deciso da tuo padre?
Accoccolata ai tuoi piedi ti ascoltavo e sognavo,mi avevi ? adottata ? e anch?io lo avevo fatto ti chiamavo nonna infatti e tu mi chiamavi ricciulella mia,ci capivamo noi due anche se così diverse io ribelle e indomita tu docile e accomodante.
Che cosa mai poteva legarci?
Neanche ora me lo spiego,era una complicità sottile fatta di confidenze e di sogni di passato e di presente,io ti capivo,tu mi cercavi? sempre, ora non ci sei più e ti tengo con me, dal diario delle voci e non scordo la tua mano che abbandonava il rosario sul grembo per accarezzarmi i capelli.Ti voglio bene nonna Conchita e non mi scordo di te.Buon onomastico, anche se era ieri,ma non potevo parlare di te ieri nonna lo spazio era dedicato tutto alla S.Vergine.
Oggi tu sei stata il mio primo pensiero non so se metterla la nostra foto insieme devo pensarci bene,ciao nonnina adottata e amata. Nenè

Categorie:Argomenti vari Tag: ,