Archivio

Archivio Giugno 2007

…Abbi fortuna e dormi!

26 Giugno 2007 52 commenti


Salvatore era un uomo povero in canna, viveva alla giornata, aveva sempre lavorato con responsabilità, spirito di sacrificio ed impegno; studiato con amore e con profitto, si era dovuto sudare ogni esame e molte volte dopo aver dato il meglio, in cambio riceveva appena il voto sufficiente se non addirittura la bocciatura; aveva amato molto e sofferto altrettanto, si era sposato con una bella ragazza buona e ricca, il giorno dopo il loro matrimonio mentre erano in luna di miele, mentre la sposa si preparava, lo specchio esplose lasciandola sfregiata per la vita, il padre di lei ebbe un tracollo finanziario perdendo l’intero patrimonio cosicché il poveretto si ritrovò con la moglie debilitata a vita e con la famiglia dei suoceri a carico. Senza un lavoro stabile il povero Salvatore era sul lastrico, pareva che qualsiasi cosa facesse o intraprendesse, gli si rivoltasse contro. Poco lontano da casa di Salvatore, abitava il suo migliore amico Nicodemo, che in vita sua non aveva fatto un solo giorno di lavoro, aveva compiuto gli studi senza mai aprire un libro, ottenendo il massimo dei voti, la mattina come apriva la porta di casa trovava, il solito mezzo milione nella cassetta della posta tra interessi e buoni fruttiferi, soldi per altro mai guadagnati. Nicodemo vedendo l’estrema indigenza cui versava l’amico Salvatore, gli venne in aiuto donandogli quel mezzo milione; inoltre, mosso a compassione, si decise a metterlo al corrente del suo segreto, raccontandogli che sul monte di fronte alla strada dove entrambi abitavano, in una fenditura aveva dimora la Sorte e, aggiunse Nicodemo “tutta la mia fortuna dipende dalla sua benevolenza è una donna bionda e bellissima, compare ogni mattina e mi ricolma di regali, di attenzioni e di sorrisi, benché io non abbia fatto nulla di speciale, lei da sempre mi protegge, riempiendomi di doni, rende la mia vita così facile e noiosa che non né posso più, domani all’alba vai tu al mio posto e vedrai che la tua vita cambierà in meglio e tu non sarai più così sfortunato”. La mattina dopo appena la notte impallidendo cedeva il posto all’alba, Salvatore era gia sul monte e seguendo il consiglio dell’amico chiamo a gran voce: “Sorte o Sorte, ti prego aiutami”, ripeté l’invocazione per tre volte e ad un tratto dalla fenditura del monte si precipitò fuori una vecchia brutta e laida dagli occhi cisposi, coi capelli ispidi e grigi la vecchia in modo rabbioso si rivolse a Salvatore dicendogli: “ come hai osato brutto schifoso, essere abbietto, inutile e rognoso venire a disturbarmi fino a casa mia? Tu potrai fare tutto quello che vorrai, lavorare ed essere onesto tutta la vita, ma non mi convincerai mai a cambiarti la sorte, io ti tengo d’occhio, ti ho voluto povero disgraziato e brutto e così sarai per sempre, senza misericordia, perché è così che ti voglio, miserabile, fino alla fine dei tuoi giorni, non ti azzardare mai più a chiamarmi e, ringrazia Dio che ieri ero distratta quando il tuo amico ti ha aiutato viceversa al posto dei soldi avresti ricevuto solo cenere…” Con il rosso costume e i capelli al vento versa talora la cornucopia grigia e tal’altra quella azzurra. La fortuna salta con passione ed a caso atterra dove le piace Questa storia un po’ senza speranza, dimostra quanto è cieca e imponderabile la fortuna. *Ha un po’ il sapore Eduardiano ed è dedicata all’amico Bernardo morto da tempo; vecchio cantastorie di Curti, lui, come mio nonno, ha allietato con i suoi racconti animati e un po’ farseschi, la mia infanzia. E comunque sperando che "la Sorte" non sia con voi tanto feroce, buona fortuna a tutti;-) Nenè

Categorie:Argomenti vari Tag: , ,

Lì riposa aperto il mio libro

16 Giugno 2007 76 commenti

Ascoltare la sinfonia di suoni m’è dolce, dalle finestre aperte rompe il grido di rondini in volo fresca e argentina la voce delle foglie nuove dei faggi annosi rumoreggia tortuoso il fiume arresta il suo riso beffardo lambisce i miei piedi nudi tra i ciottoli a riva si posa un momento il pettirosso a guardare i miei giochi sul ramo del mio faggio ha fatto il nido tra le amate radici, ai suoi piedi, lo spirito torna a ritrovar le note amiche lì, riposa aperto il mio libro. S. __________ "Amore non è amore se muta quando scopre un mutamento o tende a svanire quando l’altro s’allontana. Oh no! Amore è un faro sempre fisso che sovrasta la tempesta e non vacilla mai; amore non muta in poche ore o settimane, ma impavido resiste al giorno estremo del giudizio; se questo è errore e mi sarà provato, io non ho mai scritto, e nessuno ha mai amato."

Prosegui la lettura…

Categorie:Argomenti vari Tag: , ,

Azzurra, Riccardo, Roberto, Sara e …?il tesoretto?

5 Giugno 2007 68 commenti


Ho scritto in modo ’”rispettoso “ al Presidente della Repubblica, al Consiglio dei Ministri, gli ho scritto per Azzurra, per Riccardo, per Roberto, per Sara e per altri ancora… gli ho chiesto tra l’altro… “Voi che vi nutrite del nostro sudore, del nostro pianto Voi, consapevoli di quanto costate alla nostra gente, sapendo che la vostra avidità è causa di dolore, pena e disagio, come fate a dormire sereni la notte”??? …Questo è uno stralcio dell’e –mail inviata(da me) il 1 Giugno e della lettera con affrancatura postale inviata sabato 2 Giugno al Consiglio dei Ministri e alla Presidenza della Repubblica. Si, Azzurra è negli Stati Uniti per il primo anno di cura, e ne siamo tutti felici, ma per il secondo e il terzo chi garantisce? E gli altri bambini malati che chiedono di essere curati con dignità? E vi chiedete ancora a quale uso destinare i proventi del Tesoretto!??? NON SONO SOLDI VOSTRI!!! Voi non potete mettere a tacere le voci di chi assiste allo scempio che fate della cosa pubblica!!! Sabina F/Nenè *Per Flavio, Giano, Indio e Califfa, per Grazia&co…in caso di arresto sono gradite arance e sigarette!

Ancora una volta sono una Zia virtuale

1 Giugno 2007 42 commenti



Eh sissì, sono di nuovo una zia virtuale felice di annunciare a tutti che è nato il piccolo
TIZIANO

figlio di Laura, figlio di Alex(Alexman), per ora non so molto altro?le foto mi sono arrivate poco fa e non so neppure in quale angolo sperduto del pianeta tu sia nato piccolino.
Ma una cosa la so, sei una vera meraviglia e da grande sarai libero, sarai un grande poeta e l?intero mondo sarà la tua casa.

segue una parte della e mail di Laura da Khartoum distretto di Sobo
*Oh zia …. due cose :
1) Alex ha provato a contattare zia Eleonora (Ivy) ma non siamo riusciti…
Puoi dirglielo tu ? per noi è moooolto importante!!!!
2) Ma minchia…. tutta la fatica fatta e vedo scritto … :-) )))
Allora sospiro… vediamo se riesco a spiegarmi bene… sai è il rincog… del giorno dopo… Noi abbiamo deciso di venire a vivere per SEMPRE in Sudan a Khartoum nel distretto di Sobo dove c’è la baraccopoli degli sfollati della guerra del Darfur, perchè far nascere un figlio in mezzo alla libertà, alla semplicità , in Italia si chiama miseria… puah… vivere con loro con una casa un pò storta ( ti allego l’interno soggiorno )… era l’unico mezzo per fargli avere fiducia in noi e soprattutto nei servizi di Emergency, che sono gratuiti, mentre qui stile amerikano… tutto a pagamento….
Ecco noi siamo qui.
Per sempre finalmente liberi….
E la nostra libertà è iniziata ieri con la nascita del mio bel Tiziano…

…In che pazzo mondo sei venuto piccolo mio e non è detto che io non vi raggiunga…

N.B ok, avviso io Ele via sms!!!

Categorie:Senza categoria Tag: , , ,